Navigation

Terrore al London Bridge, due morti. Killer ucciso dalla polizia

Agenti di polizia presidiano l'area d'accesso a London Bridge KEYSTONE/AP/ALBERTO PEZZALI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2019 - 20:14
(Keystone-ATS)

L'uomo che ha accoltellato oggi alcuni passanti nella zona di London Bridge, a Londra, è morto in seguito alle ferite riportate dagli spari degli agenti. Lo ha reso noto Scotland Yard in questi minuti in una breve dichiarazione ai media.

In serata sono poi deceduti i due feriti più gravi dell'accoltellamento. Lo riferiscono fonti del governo britannico alla Bbc.

"Il mio cuore - ha aggiunto Khan - è con le vittime e con le loro famiglie. Grazie ai nostri coraggiosi servizi di emergenza per la coraggiosa risposta all'orrendo attacco di oggi. Noi dobbiamo - e vogliamo - rimanere risoluti nella nostra determinazione di essere forti di fronte al terrore. Quelli che ci attaccano e cercano di dividerci non avranno mai successo".

Stando a testimoni citati alla Bbc, l'aggressore di London Bridge, oltre a essere armato di coltello, aveva indosso un giubbotto sospetto, sottolineando come gli agenti di polizia si siano allontanati da lui dopo averlo colpito, probabilmente nel timore di un giubbotto esplosivo.

Scotland Yard per ora non conferma comunque la circostanza mentre prosegue le indagini e mantiene l'area cordonata. Chiusa temporaneamente pure la stazione della metropolitana e dei treni di London Bridge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.