Navigation

Terrorismo:Obama, qualcuno a Teheran dovrà rendere conto

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2011 - 19:51
(Keystone-ATS)

Qualcuno a Teheran "dovrà rendere conto" per il complotto che stava per essere organizzato negli Stati Uniti. Lo ha detto il presidente Usa, Barack Obama, spiegando che gli Usa "non avanzerebbero accuse senza avere in mano prove concrete".

Il complotto che doveva portare all'uccisione dell'ambasciatore saudita a Washington "è stato diretto da persone nel governo iraniano", ha aggiunto Obama. "Continueremo ad applicare contro l'Iran le più dure sanzioni, perchè il Paese venga sempre più isolato".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?