Tutte le notizie in breve

A causa dei tassi d'interesse negativi l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) consiglia alle casse pensioni di far capo a forme di investimento non tradizionali e più a rischio.

Il cosiddetto "terzo contribuente", ossia i redditi del capitale, sono sempre più sotto pressione.

"Se non adatteranno le loro strategie d'investimento, le casse pensioni saranno confrontate a problemi di rendimento", afferma il presidente di ASB, Herbert J. Scheidt, citato in una nota.

L'ASB ha presentato oggi a Zurigo uno studio che invita le istituzioni del terzo pilastro a rivedere le loro strategie di investimento. Queste ultime sono rimaste praticamente invariate dagli Anni '80, con le obbligazioni, le azioni e l'immobiliare svizzero che continuano ad avere un ruolo predominante.

I banchieri svizzeri propongono di integrare nelle strategie delle casse pensioni forme di investimento non tradizionali, come le categorie Private equity, Private debt e Infrastructure.

Queste categorie sono attualmente considerate tabù per le istituzioni del terzo pilastro. Per i banchieri andrebbero prese in considerazione nell'ambito del progetto di Previdenza per la vecchiaia 2020, che sarà discusso nell'imminente sessione primaverile delle Camere federali.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve