Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A causa dei tassi d'interesse negativi l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) consiglia alle casse pensioni di far capo a forme di investimento non tradizionali e più a rischio.

Il cosiddetto "terzo contribuente", ossia i redditi del capitale, sono sempre più sotto pressione.

"Se non adatteranno le loro strategie d'investimento, le casse pensioni saranno confrontate a problemi di rendimento", afferma il presidente di ASB, Herbert J. Scheidt, citato in una nota.

L'ASB ha presentato oggi a Zurigo uno studio che invita le istituzioni del terzo pilastro a rivedere le loro strategie di investimento. Queste ultime sono rimaste praticamente invariate dagli Anni '80, con le obbligazioni, le azioni e l'immobiliare svizzero che continuano ad avere un ruolo predominante.

I banchieri svizzeri propongono di integrare nelle strategie delle casse pensioni forme di investimento non tradizionali, come le categorie Private equity, Private debt e Infrastructure.

Queste categorie sono attualmente considerate tabù per le istituzioni del terzo pilastro. Per i banchieri andrebbero prese in considerazione nell'ambito del progetto di Previdenza per la vecchiaia 2020, che sarà discusso nell'imminente sessione primaverile delle Camere federali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS