Navigation

TF: giro di vite contro la pornografia dura su internet

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2011 - 12:02
(Keystone-ATS)

Le persone che visualizzano tramite internet materiale pornografico "hard" (atti sessuali con fanciulli, animali, escrementi o con violenza) e non cancellano i dati temporanei (memoria cache) sono punibili per legge. Lo ha deciso il Tribunale federale (TF), ampliando così il ventaglio dei possibili colpevoli.

Il caso si riferisce ad un bernese nel cui computer sono state scoperte immagini pornografiche con animali. Il materiale non era stato scaricato consapevolmente, ma semplicemente salvato in automatico nella memoria cache. Il Tribunale cantonale di Berna aveva assolto l'internauta dall'accusa di pornografia dura, sentenza però smentita dal TF, che ha dato ragione al pubblico ministero.

Secondo i giudici di Losanna infatti la presenza dei dati nella memoria cache è sufficiente per poter parlare di possesso di materiale pornografico hard. L'alta corte ha ricordato che la semplice visualizzazione di queste immagini non comporta reato, ma il possesso delle stesse sì. Questo vale anche per chi è in possesso del materiale inconsapevolmente e non fa niente per cancellarlo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.