Navigation

TF: SUVA può ridurre prestazioni a motociclista temeraria

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2012 - 12:43
(Keystone-ATS)

La SUVA ha diritto di dimezzare le sue prestazioni assicurative a una motociclista che si era gravemente ferita nel corso di un allenamento in Francia. Secondo il Tribunale federale esercitarsi su un circuito equivale a compiere un'impresa temeraria.

Nel marzo 2009 la donna centauro aveva partecipato con una Honda XR 650 R a una sessione di guida libera, organizzata dal suo club di appartenenza su di un circuito in Francia. Dopo cinque giri cadde nell'affrontare una curva. I due motociclisti che la seguivano riuscirono ad evitare l'impatto, ma il terzo franò addosso alla donna mentre quest'ultima cercava di rialzarsi. Risultato: fratture multiple e perdita di un braccio.

L'Istituto nazionale di assicurazione contro gli infortuni (SUVA) ha ridotto le prestazioni del 50% considerando che la donna si era gettata in un'impresa temeraria. In una prima sentenza la giustizia ginevrina aveva dato ragione alla motociclista: ora in ultimo grado il TF ha annullato quel verdetto, accogliendo il ricorso della SUVA.

I giudici federali rammentano che si parla di "impresa temeraria assoluta" quando un individuo assicurato si espone a un pericolo particolarmente grave senza prendere - o senza poter prendere - misure destinate a ridimensionare il pericolo a proporzioni ragionevoli. Proprio il caso della motociclista.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?