Navigation

TF: via libera a collegamento CEVA a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2012 - 14:45
(Keystone-ATS)

La via è definitivamente libera per la costruzione a Ginevra del collegamento ferroviario transfrontaliero Cornavin-Eaux-Vives-Annemasse (CEVA). Il Tribunale federale (TF) ha respinto gli ultimi quattro ricorsi (su un totale iniziale di 1700) presentati contro il progetto.

Mentre il primo colpo di piccone del cantiere è stato dato il 15 novembre alla presenza della consigliera federale Doris Leuthard, gli oppositori bloccavano tuttora la realizzazione di una galleria nel quartiere di Champel. La Corte suprema ha respinto i loro argomenti, che mettevano in causa le misure relative al rumore e alle vibrazioni.

La decisione del TF è stata accolta con soddisfazione e sollievo dal Cantone e dalle FFS, che potranno avviare in questo modo i lavori di scavo della galleria di Champel. Il sovraccosto imputato ai ricorsi presentati contro il permesso di costruire rilasciato nel 2008 è stimato a circa 100 milioni di franchi.

Lungo 16 chilometri, il CEVA sarà la "colonna vertebrale" della futura rete di trasporto regionale (RER) che collegherà Vaud, Ginevra e la Francia limitrofa. Il costo è stato preventivato a 1,5 miliardi di franchi, di cui oltre la metà a carico della Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?