Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - Una milionaria statunitense non potrà entrare in possesso dei campi e dei pascoli acquistati nel 2007 nella stazione turistica vodese di Gryon. Il Tribunale federale (TF) ha confermato il veto opposto dalle autorità e dalla magistratura cantonali, mentre Gryon aveva autorizzato l'acquisto delle parcelle, nonché la costruzione di sei chalet.
La donna - rilevano i giudici federali - non risultava domiciliata in Svizzera al momento dell'acquisto: nel nostro paese ha effettuato soltanto soggiorni limitati, interrotti da lunghi periodi trascorsi negli Stati Uniti. Abitare saltuariamente all'albergo o presso amici non basta per poter affermare di aver preso domicilio.
A confermare che la statunitense non aveva spostato in Svizzera il centro dei propri interessi si aggiunge il fatto ch'essa abbia preferito lasciare il nostro paese per partorire negli Usa, sottolinea la Corte suprema.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS