Navigation

TG: elezione Gran consiglio, secondo proiezioni UDC in calo

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 aprile 2012 - 15:00
(Keystone-ATS)

UDC in perdita di velocità nelle elezioni per il rinnovo del gran consiglio turgoviese: stando alla terza proiezione pubblicata dalla cancelleria cantonale (sulla base di 49 comuni su 80) i democentristi rimangono di gran lunga il partito più importante, ma perdono quasi un quarto dei loro seggi (-12 a 39 seggi).

In flessione sono anche PPD (-3 a 19) e Verdi (-1 a 10), mentre marciano sul posto i socialisti (17 mandati). Una grande vittoria viene invece ottenuta da Verdi liberali (+6 a 8) e dal Partito borghese democratico, che alla prima apparizione sulla scena politica conquista 6 poltrone. Buono è anche l'andamento del PLR, che secondo la proiezione strappa al PPD la posizione di secondo partito (+2 a 20).

Le elezioni avvengono per la prima volta con cinque circoscrizioni, contro le otto di quattro anni or sono. Secondo il presidente della sezione locale dell'UDC, Walter Marty, questo fattore spiega la perdita di circa la metà dei mandati non riconfermati dal partito.

L'appuntamento con le urne era considerato un importante test per l'UDC, in calo di consensi in vari cantoni. Nel 2008 aveva raccolto in Turgovia il 36% dei voti - una quota mai raggiunta in nessun altro cantone - e si era assicurata 51 dei 130 seggi del parlamento.

I turgoviesi hanno già riconfermato lo scorso 11 marzo tutti e cinque i consiglieri di Stato uscenti: due rappresentanti dell'UDC, un PPD, un PLR e un PS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?