Navigation

TG: incendio deposito di frutta, tre minorenni condannati

Un gioco finito male la causa di un incendio con danni milionari a Egnach, in Turgovia (foto d'archivio). KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2019 - 11:28
(Keystone-ATS)

Tre giovani fra i 15 e i 17 anni d'età sono stati condannati con decreti d'accusa per un incendio che nel marzo del 2008 ha distrutto il deposito di un commerciante di frutta a Egnach, nel canton Turgovia. Il rogo ha causato danni per diversi milioni di franchi.

In base alle conclusioni del giudice dei minorenni turgoviese, il fuoco è stato causato "dall'uso improprio di materiale infiammabile". In pratica si è quindi trattato di un gioco finito male.

Le decisioni non sono ancora definitive. Il procedimento nei confronti di un quarto giovane è stato archiviato perché non è stato possibile dimostrare il suo coinvolgimento nel rogo.

Come prevede il diritto penale minorile, i tre ragazzi sono stati condannati a fornire "prestazioni personali" non rimunerate "in favore di istituzioni sociali o enti di interesse pubblico".

Il rogo, divampato nella notte fra il 16 e il 17 marzo di un anno fa, ha distrutto un padiglione del deposito del commerciante di frutta Tobi Seeobst AG. Più di 1000 tonnellate di mele e verdure sono andate in fumo. Sul posto sono intervenuti 150 pompieri e la linea ferroviaria tra Arbon e Romanshorn ha dovuto essere temporaneamente interrotta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.