Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bambini e adolescenti ospitati nell'istituto di educazione St. Iddazell del monastero di Fischingen (TG) sono stati vittime di violenze e abusi sessuali fino negli anni '70. Lo conferma un rapporto pubblicato oggi. I rappresentanti del convento si sono scusati.

Le punizioni e la violenza fisica nei confronti dei convittori dell'istituto di educazione, in passato uno dei più grandi della Svizzera, erano all'ordine del giorno. I ragazzi sono stati picchiati con cinture e bastoni, costretti a stare inginocchiati per ore o puniti con la rasatura a zero, la negazione dei pasti e la reclusione al buio. Stando al rapporto, lungo 170 pagine, non vi sono inoltre dubbi che si siano anche verificati abusi sessuali. Vittime erano sia maschi che femmine, autori i maestri, frati, suore, giardinieri e un direttore.

I casi sono stati rielaborati dalla "Beratungsstelle für Landesgeschichte" di Zurigo, che ha esaminato documenti e ha condotto interviste con ex convittori ed educatori del brefotrofio e del collegio di scuola secondaria St. Iddazell, chiusi rispettivamente nel 1976 e nel 1978.

Complessivamente dal 1879 vi hanno vissuto 6'500 bambini e adolescenti, molti dei quali provenienti da situazioni famigliari difficili e considerati difficilmente educabili, trascurati o psicopatici, altri collocati a Fischingen dalle autorità tutorie o dalla procura dei minori. Secondo il rapporto, il personale era spesso impreparato e al contempo poco sorvegliato. Le rigide gerarchie non ammettevano critiche o riforme, e i ragazzi che si difendevano venivano considerati bugiardi e puniti.

Il rapporto è stato stilato in seguito ad accuse di abusi sessuali avanzate a partire dal 2010 da ex convittori nei confronti di un frate, attivo dal 1957 al 1977 come educatore e docente di scuola secondaria e verso la fine anche come direttore. L'uomo, che ancora vive nel monastero, nega ogni addebito. Una denuncia è stata respinta all'inizio di quest'anno dal Tribunale federale perché i fatti sono ormai prescritti. L'autore della denuncia si è nel frattempo rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

"Ci dispiace che nelle nostre istituzioni di allora si siano verificate ingiustizie", ha dichiarato in una conferenza stampa nella località turgoviese Roman Müggler, presidente dell'Associazione Monastero di Fischingen. Rappresentanti dell'associazione e dei conventi benedettini di Engelberg (OW) e Fischingen si sono scusati con gli interessati e l'opinione pubblica e hanno annunciato il versamento di 250'000 franchi nel Fondo d'aiuto immediato per le vittime di misure coercitive a scopo assistenziale, istituito ufficialmente il mese scorso e alimentato a titolo volontario da Cantoni, Comuni, altri enti, istituzioni e organizzazioni, nonché privati.

In una presa di posizione il governo turgoviese deplora l'insufficiente controllo dell'istituto ai tempi in cui risalgono i fatti. Secondo il consigliere di Stato Claudius Graf-Schelling, il rapporto contiene anche indizi di esperimenti con farmaci effettuati dalla clinica psichiatrica di Münsterlingen (TG) sui convittori di Fischingen. Si indagherà in merito, ha aggiunto.

SDA-ATS