Navigation

Thailandia: 2/o incontro governo-camicie rosse, nessun accordo

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2010 - 17:31
(Keystone-ATS)

BANGKOK - Un compromesso tra il governo thailandese di Abhisit Vejjajiva e le "camicie rosse", i sostenitori dell'ex premier deposto Thaksin Shinawatra, si intravede, ma le due parti non sono riuscite a raggiungerlo neanche nel secondo incontro diretto, appena conclusosi a Bangkok.
Al termine di due ore e mezza di colloqui, trasmessi in diretta televisiva come l'incontro di ieri, tra il primo ministro e i leader del movimento fedele a Thaksin, che occupa la piazza nella capitale dal 12 marzo per chiedere nuove elezioni, l'opzione di sciogliere il Parlamento era ormai sul tavolo, ma è mancato un accordo sui tempi dell'operazione. Abhisit, in scadenza di mandato a fine 2011, propone di farlo tra nove mesi, i "rossi" gli chiedono di procedere entro 15 giorni, altrimenti intensificheranno la loro protesta.
Nell'impossibilità di trovare una via di mezzo, governo e manifestanti hanno deciso di programmare un nuovo incontro per mercoledì, dato che domani il premier si dovrà recare in Bahrain per una breve visita. Decine di migliaia di camicie rosse continuano intanto a presidiare la parte storica della capitale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?