Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È iniziato stamani a Bangkok il processo contro l'ex premier Yingluck Shinawatra, accusata di negligenza nella gestione di un controverso programma di sussidi ai produttori di riso che secondo gli investigatori è stato fonte di diffusa corruzione.

Yingluck, apparsa davanti ai giudici della Corte Suprema, si è proclamata innocente ed è stata lasciata libera su cauzione, con l'obbligo di non lasciare il Paese. La seconda udienza è stata fissata per il 21 luglio. In caso di condanna, Yingluck rischia fino a dieci anni di reclusione.

Lo scorso gennaio, dopo l'impeachment retroattivo da parte del Parlamento - nominato dalla giunta militare ora al potere - l'ex premier era già stata interdetta dalla politica per cinque anni in relazione allo stesso programma di sussidi.

Secondo molti analisti, il caso è l'ultimo di una serie di decisioni prese dal generale Prayuth Chan-ocha - autore del colpo di Stato che il 22 maggio 2014 depose il governo Yingluck - per eliminare dalla scena politica il clan dei Shinawatra, a partire dal magnate ed ex premier Thaksin Shinawatra (fratello maggiore di Yingluck).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS