Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nuova giunta militare thailandese ha vietato l'espatrio a 155 esponenti politici, tra cui l'ex primo ministro Yingluck Shinawatra, che hanno ricevuto l'ordine di comparire davanti ai militari oggi a Bangkok. Lo ha annunciato un portavoce delle forze armate in tv.

Gli Stati uniti condannano con forza quanto sta accadendo in Thailandia: "non ci sono giustificazioni per questo colpo di stato militare", ha detto il segretario di Stato, John Kerry. Ci saranno "implicazioni negative per le relazioni tra Stati Uniti e Thailandia, specialmente per le nostre relazioni con i militari thailandesi", ha ammonito il capo della diplomazia Usa.

In un comunicato, Kerry si è detto preoccupato per le informazioni secondo cui dei leader politici sono stati arrestati e dei media sono stati chiusi. "Sollecito il ripristino del governo civile immediatamente, il ritorno alla democrazia e il rispetto dei diritti umani e libertà fondamentali, come la libertà di stampa", ha affermato.

SDA-ATS