Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BANGKOK - L'esercito thailandese sta avanzando contro il blocco organizzato dalle camicie rosse nei pressi del bazar di Suan Lum. Nell'area si odono colpi di arma da fuoco, gli agenti hanno lanciato anche numerosi lacrimogeni.
In precedenza era stata isolata e privata dell'elettricità la zona del centro di Bangkok dove da settimane sono accampati i manifestanti antigovernativi, la "camicie rosse" dell'ex premier deposto Thaksin Shinawatra, che chiedono le dimissioni del premier Abhisit Vejjajiva.
Contemporaneamente l'esercito si era preparato ad un blitz per riconquistare una strada della capitale occupata da almeno 2.000 camicie rosse, accusate di aver minacciato azioni "intimidatorie".
Nella notte, i dimostranti si sono raccolti all'esterno del mercato notturno di Suan Lum per impedire ai soldati di avanzare verso il presidio delle camicie rosse.
Ieri, il leader più radicale delle 'camicie rosse' è stato gravemente ferito. Inoltre, un manifestante è morto e decine di altre persone sono rimaste ferite a Bangkok. Gli Stati Uniti hanno deciso di chiudere la loro ambasciata, situata vicina all'area degli scontri.

SDA-ATS