Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Ticino "sì" alla modifica di legge sui trasporti pubblici (foto d'archivio).

KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

(sda-ats)

I ticinesi hanno accettato oggi unicamente la modifica di legge sui trasporti pubblici, mentre hanno respinto le iniziative popolari "Rafforziamo la scuola media" e "Giù le mani dagli ospedali!", così come la modifica di legge sull'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC).

La modifica di legge concernente i trasporti pubblici è passata con il 50,7% di "sì", contro il 49,3% di "no". La modifica rende operativa, a carico dei generatori di importanti correnti di traffico, la tassa sui parcheggi a parziale copertura dei costi di trasporto pubblico.

L'iniziativa popolare "Rafforziamo la scuola media - Per il futuro dei nostri giovani" è stata respinta con il 58,0% di contrari contro 42,0% di favorevoli. Il testo chiedeva classi meno affollate e maggior sostegno agli allievi così da permettere loro di raggiungere gli obbiettivi formativi al termine della scuola dell'obbligo.

L'iniziativa intitolata "Giù le mani dagli ospedali!" è stata rifiutata con il 51,3% di "no" contro il 48,7% di "sì". Il testo chiedeva di mantenere l'elenco degli ospedali gestiti dall'EOC previsto dalla legge attuale, che comprende anche l'ospedale della Valmaggia. Chiedeva inoltre di garantire nei quattro ospedali regionali - Bellinzona. Locarno, Lugano, Mendrisio - i reparti di medicina interna, chirurgia, pediatria, ginecologia, ostetricia e terapia intensiva e le prestazioni di emergenza e pronto soccorso con apertura 24 ore al giorno e 7 giorni su 7.

Infine, la modifica di legge sull'Ente Ospedaliero Cantonale è stata respinta con il 54,6% di "no" contro il 45,4% di "sì". La revisione della norma voleva rafforzare la posizione dell'EOC e dell'offerta sanitaria ticinese nel contesto nazionale che registra una continua evoluzione e un'accresciuta concorrenza intercantonale. Secondo i contrari si trattava invece di un nuovo passo verso lo smantellamento del servizio pubblico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS