Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un monaco buddhista di 18 anni si è "autoimmolato" dandosi fuoco per protesta contro la politica cinese in Tibet, secondo la Campagna internazionale per il Tibet. Il giovane è il 44esimo tibetano a scegliere questa estrema forma di protesta dal 2009. Eccetto una, le altre 'autoimmolazioni" sono avvenute nel 2011 e 2012, vale a dire in poco più di un anno. Il giovane monaco risiedeva nel monastero di Gedhen Tashi Choeling, affiliato al monastero di Kirti, che si trova in una zona a popolazione tibetana della provincia cinese del Sichuan. Lobsang Sangaym leader del "governo tibetano in esilio" che ha sede in India, ha affermato che le autoimmolazioni "sono una chiara indicazione del fallimento della politica del governo cinese in Tibet".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS