Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno studente tibetano di 16 anni che si era dato fuoco il 29 febbraio nel nord dell'India per protesta contro l'occupazione della Cina è morto ieri in un ospedale di New Delhi. Lo riferisce il Tibetan Youth Congress (Tyc), un gruppo di giovani tibetani in esilio.

Il ragazzo, che si chiama Dorje Tsering, si era cosparso di benzina e si era dato fuoco nei pressi di Dehradun, nello stato himalayano dell'Uttarakhand.

L'immolazione è avvenuta davanti alla casa di suo nonno. Prima del gesto aveva detto ai genitori che "sperava che il suo gesto avrebbe contribuito alla causa del Tibet".

È stato soccorso subito e portato all'ospedale ma a causa delle gravi ustioni su oltre il 90% del corpo non è riuscito a sopravvivere.

Alcuni giorni fa un monaco tibetano si era dato fuoco ed era morto nella provincia cinese occidentale del Sichuan. Era la prima 'auto immolazione' dell'anno. Si stima che circa 150 tibetani abbiano compiuto questo tragico gesto, la maggior parte in Tibet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS