Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 27 milioni tra euro, franchi svizzeri e dollari. È una vera e propria 'banca' di soldi falsi quella che i carabinieri hanno scoperto tra le baracche di un campo nomadi alle porte di Torino.

Tre le persone arrestate e altre nove quelle denunciate, a vario titolo, nel corso del blitz disposto dalla Procura delle Repubblica del capoluogo piemontese ed eseguito con la collaborazione della polizia municipale.

Le banconote, tutte riportanti la scritta 'fac-simile' erano nascoste in buche, mobili e anfratti ricavati tra le baracche del campo. Gli investigatori sospettano che venissero utilizzate per mettere a segno le truffe del 'rip-deal', quelle in cui si acquistano immobili o auto o si barattano soldi veri con soldi falsi.

Tre uomini tra i 24 e i 30 anni, che secondo i carabinieri disponevano del finto denaro, sono stati denunciati. E di fronte ai carabinieri che chiedevano loro a cosa servissero tutte quelle banconote false - 10 milioni di dollari, 15 milioni di euro e 1 milione e mezzo di franchi svizzeri - si sono trincerati dietro al silenzio. Sequestrata anche una macchinetta contasoldi.

Già tre settimane fa, nel corso dell'ultimo blitz effettuato al campo di strada dell'Aeroporto, alla periferia nord del capoluogo piemontese, erano state sequestrate oltre 2mila banconote false, in tagli da 100 e 500 euro, tutte con la scritta 'fac-simile', per un totale di 543mila euro. Il finto tesoro verrà ora distrutto.

Il blitz, che ha visto anche la partecipazione di unità cinofile, è scattato da una delega alla perquisizione dell'area emessa dalla Procura per i minorenni di Torino ed era inizialmente finalizzato alla ricerca di armi, con particolare attenzione a strumenti per il lancio di sassi. In quella zona, infatti, nell'ultimo periodo si erano verificati alcuni episodi di lancio di sassi dal cavalcavia che sovrasta la tangenziale del capoluogo piemontese.

I controlli effettuati questa mattina hanno portato anche all'arresto di tre persone per resistenza e alla denuncia di altre sei persone per vari reati, tra cui il possesso di droga a fini di spaccio e la detenzione di armi, tra cui una finta pistola contraffatta e un martelletto frangivetro. Identificata una persone nei confronti di cui verrà emesso un decreto di espulsione dal territorio nazionale. Nelle aree adiacenti il campo sono state scoperte anche due piante di marijuana.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS