Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mary Poppins sta per tornare, naturalmente dal cielo, naturalmente paracadutandosi con l'ombrello. La Disney sta infatti lavorando al remake del grande classico del 1964 firmato Robert Stevenson, con Julie Andrews nei panni della mitica tata della famiglia Banks.

A cinquant'anni esatti dalla pellicola originale, il sequel approderà nelle sale cinematografiche sotto la direzione di Rob Marshall, il regista di musical come Chicago, Nine e Into the Woods.

Secondo il settimanale Entertainment Weekly, che per primo ha dato la notizia, la storia sarà ambientata qualche decennio dopo rispetto alle vicende del primo film, negli anni Trenta, in piena Depressione e con il nazismo alle porte - ma non è dato di sapere se l'ambientazione storica sarà rilevante - e trarrà nuovamente ispirazione dalla serie di romanzi scritti da Pamela Lyndon Travers, anche se, è stato precisato, non si tratterà di un sequel.

Pamela Lyndon Travers, scrittrice australiana morta a Londra nel 1996, probabilmente si rivolterà nella tomba vista la sua ritrosia nel concedere a Walt Disney i diritti del primo libro, cinquant'anni fa, e la successiva promessa che mai più avrebbe lasciato trasformare i suoi romanzi in film (la storia è raccontata nella recente commedia, sempre targata Disney, Saving Mr. Banks (2013), in cui Tom Hanks interpreta Walt Disney e Emma Thompson da il volto alla burbera Pamela Travers).

A questo proposito la Disney ha già messo le mani avanti e ha fatto sapere che gli eredi della Signora Travers stanno collaborando con la casa cinematografica e il regista Bob Marshall, e che Richard Scherman, compositore insieme al fratello Robert delle famosissime Supercalifragilistichespiralidoso, e Cam, caminì spazzacamin, ha appoggiato il progetto. Saranno però Marc Shaiman e Scott Wittman (Hairspray e Smash) a comporre le musiche di questo nuovo film. Un compito non facile il loro. Il confronto con classici che fanno ormai parte della cultura pop del mondo intero mette sicuramente una certa pressione.

Ancora ignoto il nome di colei che interpreterà il ruolo di Mary Poppins. Difficilmente toccherà alla quasi 80enne Julie Andrews, che proprio con quella interpretazione vinse il premio Oscar. Le agenzie di scommesse si sono già attivate sul nome della possibile candidata e Anne Hathaway è la più quotata, davanti a Emily Blunt, Meryl Streep e alla britannica Carey Mulligan. La sceneggiatura sarà curata da David Magee (Vita di Pi).

Dal momento dell'uscita della notizia la stampa anglosassone si è scatenata gridando addirittura al sacrilegio e etichettando (lo ha fatto The Guardian) come atroce, l'idea del remake di uno dei film più amati di tutti i tempi, vincitore di cinque Oscar (oltre a quello alla Andrews: migliore colonna sonora, migliore canzone, Cam, caminì spazzacamin, montaggio e effetti speciali): nel lontano 1964 veder arrivare dal cielo la dolce tata Mary Poppins non era cosa da poco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS