Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presunto autore di un fallito attentato con materiale incendiario ed esplosivo avvenuto nell'agosto 2007 nel centro autonomo dell'ex maneggio (Reitschule) di Berna, un estremista di destra 26enne, è processato da oggi dal Tribunale penale federale di Bellinzona.

Il pubblico ministero ha chiesto quattro anni di carcere. La sentenza è attesa per domani.

L'imputato non ha rilasciato in aula alcuna dichiarazione di colpevolezza. "Abbiamo a che fare preminentemente con un processo indiziario", ha dichiarato il procuratore, non essendoci evidenti prove a carico né chiare dichiarazioni di testimoni.

I fatti risalgono alla sera del 4 agosto 2007, quando la sala concerti della Reitschule (nota anche come Reithalle), in cui erano assembrate tra le 1500 e le 2000 persone convenute all'"Antifa-Festival", era stata stata evacuata, dopo che uno zaino aveva preso fuoco con una vampata all'esterno dell'edificio. Lì era stato appena deposto da un membro del servizio di sicurezza, dopo essere stato trovato all'interno della sala. Nello zaino c'era una bomba artigianale fabbricata tra l'altro tre bottiglie in Pet da un litro e mezzo piene di benzina.

Fu avviato un procedimento contro ignoti, che fu però archiviato nel febbraio 2008, non essendo gli inquirenti riusciti a trovare un colpevole. Un anno più tardi la polizia è arrivata sulle tracce del mancato attentatore - un seelandese attivo in ambienti violenti di estrema destra -, indagando su una richiesta di permesso per l'acquisto di un'arma: il suo Dna coincideva con quello trovato sull'ordigno della Reitschule.

Il procedimento è stato riaperto e affidato al Ministero della Confederazione, che lo ha a sua volta archiviato nel 2013 per quanto riguarda il reato di uso delittuoso di materie esplosive, "in mancanza di prove chiare". Secondo la Procura federale il giovane doveva essere processato soltanto per infrazioni riguardanti droghe e armi.

Contro la decisione ha presentato ricorso al TPF, in qualità di accusatore privato, l'Associazione Musica e Cultura, che aveva organizzato l'Antifa-Festival. Il tribunale di Bellinzona lo ha accolto nell'agosto 2014. Il procedimento è stato riesumato e si è arrivati al processo odierno davanti alla Corte penale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS