Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il pubblico ministero ha chiesto oggi 4 anni e 9 mesi di carcere al Tribunale penale federale di Bellinzona (TPF) per un curdo iracheno di 35 anni accusato di partecipazione a un'organizzazione criminale con finalità terroristiche legata alla rete islamica al-Qaida. Per il fratello minore 25enne la procuratrice federale Maria Schnebli vuole 3 anni di carcere, uno dei quali con la condizionale. La difesa auspica l'assoluzione e l'archiviazione del caso. La sentenza è prevista per venerdì 2 maggio.

I due fratelli, residenti a Basilea dove sono stati arrestati nel novembre 2008, sono accusati rispettivamente di partecipazione e di sostegno a un'attività criminale, più una serie di altri reati. Secondo il Ministero pubblico della Confederazione il fratello maggiore sarebbe stato cofondatore di una nuova organizzazione terroristica salafista-jihadista a composizione e struttura segrete e con ramificazioni europee, legata ad al-Qaida e denominata "Centro Didi Nwe Sezione Estero". Suo leader sarebbe stato il mullah Krekar, 58enne curdo attualmente in carcere in Norvegia, già capo del gruppo armato islamico sunnita Ansar al-Islam, ritenuto responsabile di numerosi attentati in Iraq.

Con il fratello avrebbe creato e amministrato diverse piattaforme online per diffondere testi e immagini che istigano pubblicamente alla violenza. Il 25enne è accusato anche di discriminazione razziale per suoi testi pubblicati su internet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS