Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Tribunale penale federale (TPF) ha condannato la Confederazione a versare un risarcimento di oltre 180'000 franchi a un gestore patrimoniale ginevrino condannato nel 2012 per falsità in documenti ma assolto da capi di imputazione più gravi.

In ottobre i giudici di Bellinzona avevano prosciolto l'imputato dalle accuse di sostegno a un'organizzazione criminale, riciclaggio di denaro aggravato e infrazione aggravata alla legge sugli stupefacenti per aver contribuito a organizzare il trasporto di due tonnellate di cocaina dalla Colombia, fra il 1997 e il 2004.

Forte di questa decisione, il professionista ginevrino aveva in seguito chiesto di essere rimborsato per le spese legali sopportate, da lui valutate a 450'000 franchi, e per il danno economico subito, giudicato pari a 6 milioni di franchi.

Il TPF ha invece riconosciuto indennizzi di rispettivamente solo 166'000 e di 18'000 franchi. La corte ha anche negato un'indennità per torto morale, ritenendo che l'interessato non ha dimostrato di aver subito le sofferenze fisiche o psichiche necessarie per beneficiare di questo tipo di risarcimento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS