Navigation

Traffico d'organi: colloqui di Dick Marty a Pristina

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2010 - 15:56
(Keystone-ATS)

PRISTINA - Incaricato dell'indagine sul presunto traffico di organi in Albania e nel Kosovo nel 1999, l'inviato speciale del Consiglio d'Europa Dick Marty ha incontrato a Pristina diversi responsabili ufficiali. Nulla è trapelato.
In un'intervista rilasciata al quotidiano kosovaro "Zeri", Dick Marty ha semplicemente dichiarato di sperare di "scoprire la verità" sulla vicenda. Quest'ultima è stata menzionata in un libro pubblicato nel 2008 dall'ex procuratrice del Tribunale penale internazionale (TPI) per l'ex Jugoslavia, Carla del Ponte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.