Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il traffico merci transalpino su ferrovia ha segnato nel primo semestre un forte aumento, raggiungendo una quota di mercato del 67,5%, la più alta dall'introduzione, nel 2001, della tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP). Il traffico merci su strada è invece diminuito sia per numero di autocarri, sia in termini di volumi, indica oggi l'Ufficio federale dei trasporti.

Nella prima metà dell'anno sono state trasportate attraverso le Alpi svizzere quasi 20 milioni di tonnellate di merci, il 2,9% in più rispetto al corrispondente periodo del 2013.

Il trasporto su rotaia ha messo a segno una progressione del 5,3% a 13,4 milioni di tonnellate, con aumenti del 6,2% per i carri completi e del 5,4% per il traffico combinato non accompagnato. Sull'asse del San Gottardo l'incremento dei volumi è stato del 5,8% e lungo il Sempione del 4,5%.

Il volume delle merci trasportate su strada è invece sceso dell'1,6% a 6,5 milioni di tonnellate. In flessione anche i transiti di autocarri: -1,3% a 567'000. Il traffico merci stradale ha segnato una flessione soprattutto nei transiti sul San Bernardino (-4,8%) e sul Gran San Bernardo (-3,1%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS