Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Trapianto di cellule nella retina ridà vista a ratti ciechi

Sottilissimi "fogli" di cellule fetali trapiantati nella retina hanno restituito la vista a ratti.

KEYSTONE/AP/ROBERT F. BUKATY

(sda-ats)

Sottilissimi "fogli" di cellule fetali trapiantati nella retina hanno restituito la vista a ratti diventati ciechi per colpa di una grave degenerazione dei recettori sensibili alla luce posti nel fondo dell'occhio.

A tre mesi dall'intervento le cavie hanno dimostrato di percepire nuovamente vari aspetti degli stimoli visivi come dimensioni, orientamento e contrasto.

Il risultato, che accende nuove speranze per la lotta alle malattie degenerative della retina, è pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience dal gruppo di ricerca coordinato da David Lyon dell'Università della California.

Simili trapianti cellulari erano già stati effettuati su modelli animali e pazienti, ma finora - spiegano gli autori dello studio - non era mai stata dimostrata la loro efficacia nel ripristinare la vista nel suo complesso.

La prova è stata trovata dal gruppo di Lyon misurando la risposta dei neuroni della corteccia cerebrale visiva che per primi ricevono le informazioni provenienti dalla retina. A tre mesi dal trapianto, le cellule fetali si erano integrate nella retina a tal punto da permettere ai ratti di percepire vari attributi dello stimolo visivo, incluse dimensioni e orientamento degli oggetti.

Si tratta di un notevole passo avanti nella lotta alle forme di degenerazione della retina provocate da malattie progressive o dall'invecchiamento: le terapie attualmente disponibili, infatti, riescono soltanto a rallentare il danneggiamento delle cellule fotosensibili della retina, risultando inefficaci negli stadi più avanzati di malattia.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.