Tutte le notizie in breve

Sui siamo sulla rampa sud in direzione del Loetschberg

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Un nuovo azionista entra nel capitale di BLS Cargo: la francese SNCF Logistics rileva una quota del 45% della compagnia con sede a Berna. Lo indicano le due società in una nota odierna.

E' ancora necessario il via libera da parte delle autorità anticartello.

Con il 52% delle quote, BLS rimane azionista di maggioranza, mentre il Gruppo Ambrogio continua a detenere il 3% del totale.

SNCF Logistics è molto attiva sul mercato del trasporto merci. Con le sue società affiliate Captrain Deutschland e Captrain Italia può contare sui due operatori più forti, dopo le rispettive ferrovie statali, sul mercato tedesco e su quello italiano, viene precisato nel comunicato.

La buona posizione di BLS Cargo lungo il corridoio nord-sud si integra perfettamente nelle attività commerciali di SNCF, soprattutto nel trasporto internazionale combinato, proseguono le due società. "In questo modo, siamo in grado di continuare a gestire il trasporto merci a livello internazionale in maniera sostenibile e orientata al futuro", sostiene Bernard Guillelmon, presidente del consiglio di amministrazione (cda) di BLS Cargo.

Per Sylvie Charles, direttrice generale di SNCF Logistics, "la stretta collaborazione consentirà di creare offerte transfrontaliere ottimizzate per i clienti lungo il corridoio" nord-sud.

Le strutture aziendali finora esistenti, il sito di Berna e il management in carica rimangono invariati, si precisa. Stessa cosa vale per le importanti relazioni basate sulla fornitura di servizi con la BLS nei settori macchinisti, locomotive e stabilimenti.

Nell'esercizio 2016, BLS Cargo ha realizzato un fatturato di 190,6 milioni di franchi (contro 170,4 milioni dell'anno precedente) e ha concluso il periodo con un EBIT di 2,1 milioni di franchi (contro 2,1 milioni) e un utile di 1,5 milioni di franchi (contro 0,3 milioni).

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve