Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Italia c'è "insufficiente attenzione" alla tratta di esseri umani. Tra il 2011 ed il 2013 ufficialmente sono state assistite 4.530 persone, ma è solo la punta dell'iceberg. È una bocciatura per indifferenza verso i nuovi schiavi quella che arriva all'Italia dal primo rapporto del Greta, meccanismo di monitoraggio del Consiglio d'Europa.

Nel rapporto sull'Italia si afferma che "i dati forniti non rivelano la vera ampiezza del fenomeno" del commercio di nuovi schiavi perché in Italia non ci sono meccanismi adeguati a individuare le vittime, per raccogliere i dati e, appunto, si presta "insufficiente attenzione alle tratte che non hanno come scopo lo sfruttamento sessuale". Restano cioè fuori dal radar delle autorità gli sfruttati dal caporalato agricolo, le badanti, le collaboratrici domestiche ed i minori avviati all'accattonaggio.

Il rapporto del Greta osserva inoltre che l'Italia non ha un piano d'azione nazionale sulla tratta di esseri umani, né si è dotata di molti degli strumenti di cui si sono dotati altri Stati che sono, come l'Italia, Paesi di arrivo e transito di vittime del traffico. Così il Consiglio d'Europa chiede alle autorità italiane di "adottare con urgenza un piano d'azione nazionale che definisca priorità, obiettivi, attività concrete e responsabili per la loro attuazione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS