Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo Travail.Suisse un congedo paternità degno di questo nome è ancora un'eccezione in Svizzera. È tempo di adottare una nuova legislazione per restare al passo con i tempi, indica oggi il sindacato, che vorrebbe 20 giorni di pausa lavorativa per i nuovi papà.

Attualmente in Svizzera i neo papà ricevono dalla legge un congedo lavorativo pari a quello per un trasloco, cioè un giorno, criticano i rappresentanti di Travail.Suisse.

Il sindacato ha analizzato quest'anno 46 contratti collettivi di lavoro (CCL) a cui sono assoggettati circa 1,5 milioni di lavoratori nel settore privato. Il risultato, secondo Travail.Suisse, è deludente: oltre la metà dei dipendenti ha diritto solo a un giorno di congedo. La differenza maggiore è riscontrata tra piccole e grandi aziende.

Un congedo paternità pagato non deve però dipendere da dove uno lavora. "Proprio per questo ci battiamo da anni per un congedo pagato e flessibile di 20 giorni", con un'occupazione all'80%, ha affermato Matthias Kuert Killer, responsabile della politica sociale presso il sindacato. La riduzione dell'occupazione del 20% durante 20 settimane potrebbe rappresentare l'inizio di un'attività lucrativa a tempo parziale per i papà.

Il congedo paternità sarebbe finanziato con i surplus dell'indennità per perdita di guadagno. Siccome il numero di giorni di servizio militare sta regredendo fortemente, i contributi per l'indennità per perdita di guadagno dovranno essere aumentati solo leggermente, secondo Travail.Suisse, che dal 2007 chiede un congedo paternità di quattro settimane.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS