Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un sito californiano dove si pratica il fracking, metodo che sarebbe all'origine di molti terremoti indotti dall'uomo.

KEYSTONE/AP/RICHARD VOGEL

(sda-ats)

Tre milioni di americani, soprattutto in Oklahoma e Kansas, sono a rischio per i terremoti indotti dall'uomo quest'anno.

Lo si apprende da un rapporto dell'US Geological Survey, secondo cui a innescare le scosse è lo smaltimento delle acque reflue generate durante l'estrazione di petrolio e gas con il metodo del fracking.

Si tratta comunque di un numero inferiore a quello dello scorso anno, pari a 7 milioni. "La buona notizia è che la pericolosità sismica globale per quest'anno è inferiore rispetto al 2016, ma nonostante questo calo c'è ancora una significativa probabilità di danni a causa delle scosse", ha spiegato Mark Petersen, capo dell'USGS National Seismic Hazard Mapping Project.

Durante il processo di fracking, secondo gli esperti dell'USGS, le acque reflue vengono raccolte e successivamente smaltite mediante iniezione in pozzi sotterranei ad alta pressione, e le stesse acque riempiono i pori in faglie dormienti, scatenando i terremoti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS