Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TIRANO (SONDRIO) - Un secolo di vita, ma non lo dimostra: a Tirano i festeggiamenti per celebrare i 100 anni del Trenino Rosso del Bernina hanno attirato nel fine settimana circa 10'000 persone. La linea ferroviaria è divenuta di recente patrimonio dell'Unesco e la stazione di partenza è situata nella cittadina valtellinese a confine con la Svizzera.
"Se non ci fosse il Trenino Rosso - ha affermato il presidente della ferrovia Retica, Hans Spillman - bisognerebbe inventarlo. E' una linea di comunicazione su rotaia che unisce Valtellina e Valposchiavo con il resto dell'Engadina, nel cuore della Svizzera. Abbiamo investito 250 milioni di franchi per ammodernare le infrastrutture e il materiale rotabile, così da rendere più confortevole il viaggio di migliaia di passeggeri, molti dei quali turisti e sciatori".
Uno speciale annullo postale, l'inaugurazione di un monumento dedicato alla Madonna patrona della Valtellina che a Tirano ha un santuario, ristoranti con menu convenzionati, sfilata della Fanfara dei bersaglieri di Morbegno e altre manifestazioni sono stati coinvolti per celebrare questo speciale compleanno.

SDA-ATS