Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Migliaia di bambini rischiano di rimanere delusi quest'anno a Natale: la Lego, il gigante danese dei giocattoli, ha annunciato di aver ricevuto troppi ordini e di temere di non riuscire a soddisfarli tutti.

"Le nostre fabbriche lavorano giorno e notte, cercheremo di fare il nostro meglio", ha dichiarato il portavoce della Lego che è diventata il primo produttore al mondo di giocattoli superando la Mattel e che nella prima metà del 2015 ha visto le vendite aumentare del 15%.

La notizia rilanciata su diversi media internazionali ha ovviamente messo in allarme gli appassionati dei mattoncini colorati in tutto il mondo. E nonostante le rassicurazioni, l'azienda ha ammesso che "non sarà in grado di soddisfare tutti gli ordini da qui alla fine dell'anno".

La Lego non ha voluto precisare quali linee in particolare mancheranno all'appello e quali Paesi saranno penalizzati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS