Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Esperti della Confederazione hanno trovato in 23 ex fabbriche di orologi, lungo il massiccio del Giura, una quantità tale di radio da dover provvedere a una bonifica.

È quanto mostra il bilancio intermedio del piano d'azione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sul tema.

I 23 edifici si trovano a Bienne (BE, 9), La Chaux-de-Fonds (NE, 8), Tavannes (BE, 2), Grenchen (SO), Neuchâtel, Orpun (BE) e Bätterkinden (BE), si legge in un articolo odierno della "Berner Zeitung".

Fra questi, in otto casi la bonifica ha già avuto luogo, mentre in ulteriori 59 stabili controllati non è stato necessario nessun intervento.

Secondo il portavoce dell'UFSP Sébastien Baechler, contattato dall'ats, nei 23 edifici in questione sono stati riscontrati valori fra uno e 20 millisievert all'anno. Un millisievert è la dose massima alla quale la popolazione può essere esposta annualmente, 20 millisievert è invece la quota tollerabile per persone che utilizzano il radio per scopi professionali.

Lo scorso maggio il Consiglio federale ha approvato un credito di cinque milioni di franchi per la bonifica delle ex fabbriche di orologi. La sostanza radioattiva veniva infatti utilizzata fino agli anni '60 nella produzione di vernici luminescenti utilizzate nella fabbricazione di orologi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS