Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump sosterrà Israele.

KEYSTONE/AP/MARY ALTAFFER

(sda-ats)

In un'intervista rilasciata a Israel ha-Yom, un giornale molto vicino al premier Benyamin Netanyahu, il "presunto" candidato repubblicano alle presidenziali Donald Trump si è impegnato a sostenere decisamente Israele e ha anticipato che "presto" vi giungerà in visita.

"Le minacce su Israele - ha affermato - sono più elevate che mai a causa del comportamento di Obama verso l'Iran e per l'accordo sul nucleare. Il popolo in Israele soffre molto a causa di Obama". "Il mio sostegno ad Israele - ha aggiunto - è fermo e molto stabile. Noi difenderemo Israele, che riceverà i nostri aiuti".

Alla domanda del giornale se il nome scelto per il nipote neonato di Trump, Theodore, sia un implicito omaggio all'ideologo sionista Teodoro Herzl, si è limitato ad osservare che si è trattato di una libera scelta dei genitori. La figlia di Trump è convertita all'ebraismo, ed è praticante.

L'intervista è apparsa una settimana dopo che il proprietario di Israel ha-Yom, il tycoon statunitense Sheldon Adelson, ha espresso aperto sostegno alla candidatura di Trump.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS