Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump sosterrà Israele.

KEYSTONE/AP/MARY ALTAFFER

(sda-ats)

In un'intervista rilasciata a Israel ha-Yom, un giornale molto vicino al premier Benyamin Netanyahu, il "presunto" candidato repubblicano alle presidenziali Donald Trump si è impegnato a sostenere decisamente Israele e ha anticipato che "presto" vi giungerà in visita.

"Le minacce su Israele - ha affermato - sono più elevate che mai a causa del comportamento di Obama verso l'Iran e per l'accordo sul nucleare. Il popolo in Israele soffre molto a causa di Obama". "Il mio sostegno ad Israele - ha aggiunto - è fermo e molto stabile. Noi difenderemo Israele, che riceverà i nostri aiuti".

Alla domanda del giornale se il nome scelto per il nipote neonato di Trump, Theodore, sia un implicito omaggio all'ideologo sionista Teodoro Herzl, si è limitato ad osservare che si è trattato di una libera scelta dei genitori. La figlia di Trump è convertita all'ebraismo, ed è praticante.

L'intervista è apparsa una settimana dopo che il proprietario di Israel ha-Yom, il tycoon statunitense Sheldon Adelson, ha espresso aperto sostegno alla candidatura di Trump.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS