Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si allarga la "british connection" dietro il dossier contro il presidente eletto degli Usa Donald Trump.

L'ex ambasciatore britannico a Mosca, Sir Andrew Wood, ha rivelato al Times di aver condiviso i sospetti sulle relazioni fra il presidente eletto e la Russia col senatore statunitense John McCain, che ha trasmesso il materiale al capo della polizia federale statunitense Fbi.

Wood, a capo della diplomazia di Londra in Russia dal 1995 al 2000, nega di aver visto una copia del rapporto, ma il suo incontro con McCain, avvenuto in Canada a novembre - in cui aveva avvertito il "falco" repubblicano anti-russo della possibilità che Mosca avesse nelle mani materiale audio e video compromettente - sarebbe di fatto servito per accreditare il dossier.

Il progressivo coinvolgimento del Regno Unito nella vicenda rischia di aumentare i sospetti di un complotto che avrebbe conseguenze molto negative nei rapporti con la nuova amministrazione di Trump in arrivo alla Casa Bianca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS