Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un cartellone che invoca la dichiarazione dei redditi del presidente Trump durante una manifestazione a Seattle.

KEYSTONE/AP/TED S. WARREN

(sda-ats)

Migliaia di persone sono scese in piazza in diverse città di tutti gli Stati Uniti in segno di protesta contro il presidente Donald Trump, in particolare chiedendo che il tycoon renda pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi.

Da New York a Chicago e naturalmente nella capitale Washington DC marce di protesta sono state organizzate in quasi 150 città, molte in contemporanea, dando vita all'evento battezzato 'Tax March' e organizzato in coincidenza con il 'tax day' negli Stati Uniti, ovvero la scadenza - il 15 aprile- per la presentazione delle dichiarazioni di redditi e simili documenti di natura fiscale.

Il presidente non è obbligato dalla legge a rendere pubbliche le sue dichiarazioni al fisco: è tuttavia una consuetudine che il tycoon è il primo presidente in 40 anni a non rispettare.

Alla marcia di New York hanno partecipato anche alcuni volti noti, mentre la contestazione ha seguito il presidente fino a Mar-a-Lago, in Florida, dove si trova per trascorrere il weekend nel resort di sua proprietà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS