Tutte le notizie in breve

Il presidente americano Donald Trump (foto d'archivio)

KEYSTONE/AP/MANUEL BALCE CENETA

(sda-ats)

Donald Trump liquida il Russia-gate come una "storia falsa", ribadendo che la sua campagna non ha avuto nulla a che fare con Mosca e accusa l'amministrazione Obama per aver rilasciato il nulla osta di sicurezza a Michael Flynn.

Flynn, ormai ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, è sotto inchiesta anche del Pentagono per non aver chiesto l'autorizzazione per i suoi viaggi e compensi in Russia. "Quando andò in Russia - ha detto Trump in un'intervista alla Cbs - era il 2015 e aveva il nulla osta di sicurezza di Obama.

"Quando il generale Flynn arrivo' da noi aveva già il più alto livello di accesso alle informazioni classificate'', ha sottolineato, chiedendosi come mai lo scandalo sia esploso solo nei giorni scorsi.

Trump ha rilanciato inoltre l'interrogativo sul perchè i democratici non abbiano consentito all'Fbi di verificare il loro server dopo gli hackeraggi, sostenendo che John Podesta (ex capo della campagna elettorale di Hillary Clinton) ''ha una società con suo fratello in Russia, il marito di Hillary fa discorso in Russia e Hillary ha fatto l'accordo sull'uranio con la Russia''.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve