Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente eletto Donald Trump.

KEYSTONE/AP/EVAN VUCCI

(sda-ats)

Meryl Streep è "una Hillary lover": il presidente eletto Donald Trump ha liquidato così, in un'intervista telefonica pubblicata oggi dal New York Times, le critiche rivoltegli dall'attrice durante il suo discorso di ieri sera all'assegnazione dei Golden Globes.

Trump ha spiegato di non aver visto il discorso di Streep, né la trasmissione trasmessa dalla Nbc, ma ha aggiunto di "non essere rimasto sorpreso" di essere stato attaccato dalla "gente liberale del cinema".

Nel suo discorso Streep, che ha ottenuto il premio alla carriera Cecil B. DeMille, ha sottolineato l'importanza della diversità nel mondo dell'arte: "Se a Hollywood mandassimo via tutti quelli che non sono nati qui non ci resterebbe nulla da guardare se non il football e le arti marziali, che non sono propriamente arte". Poi, senza nominare Trump, ha ricordato di quando il magnate immobiliare durante la campagna elettorale scimmiottò un giornalista disabile. Nell'intervista Trump ha negato di avere mai deriso nessuno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS