Navigation

Trump vede reali possibilità per accordo libero scambio, amb. Usa

Il presidente Donald Trump vede "reali possibilità" per un accordo di libero scambio tra Berna e Washington (foto d'archivio) KEYSTONE/ADV sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 11:15
(Keystone-ATS)

Secondo l'ambasciatore statunitense in Svizzera Edward McMullen, il presidente Donald Trump vede "reali possibilità" per un accordo di libero scambio tra Berna e Washington dopo l'incontro con i quattro membri del Consiglio federale al WEF di Davos (GR).

Durante i colloqui si è discusso "più del necessario" del clima, ha detto. "Nella sala c'erano tutte le persone chiave. Non era mai avvenuto prima. E questo è da considerare un vero progresso", ha affermato McMullen in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo CH Media.

C'è "un buon sviluppo" nelle trattative, ha sottolineato l'ambasciatore. A Davos Trump si è preso personalmente del tempo con i membri del suo governo per parlare con l'esecutivo svizzero di un accordo.

Accordo di libero scambio necessita tempo

Ma "se si parla undici minuti di un accordo di libero scambio in un round di questo tipo, non si arriva a una intesa", ha aggiunto McMullen. Accordi di libero scambio necessitano tempo. Con la Svizzera un'intesa è "assolutamente possibile". Con la Confederazione gli Stati Uniti sono molto più avanti che con l'Unione europea (Ue).

McMullen ha tuttavia chiarito che non ci sarà alcun accordo senza agricoltura. "Lo abbiamo ribadito fin dall'inizio dei nuovi negoziati: se non possiamo parlare di agricoltura, allora non dobbiamo nemmeno cominciare". La Svizzera conosce la posizione degli Stati Uniti ed è pronta a fare concessioni.

In un'altra intervista con Blick.ch, McMullen ha menzionato le richieste degli Usa: "Un accordo equo ci darebbe per esempio accesso al mercato elvetico con prodotti a base di carne. Ciò questa volta appare possibile", ha detto McMullen indicando che Trump a Davos ha mangiato burger a pranzo e bistecca a cena. "In sospeso restano anche questioni relative all'industria farmaceutica elvetica, che guadagna molto negli Stati Uniti", ma in questo ambito, per la prima volta, ci sono segnali positivi per una soluzione.

Trump aveva già detto prima dell'incontro con la delegazione elvetica di volere un accordo di libero scambio con la Svizzera. Nelle notizie apparse sui media elvetici relative all'incontro di martedì le aspettative sono state tuttavia smorzate.

"Più tempo del necessario" per il clima

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, dopo il colloquio a Davos, aveva dichiarato che si sarebbe raggiunto un accordo se vi fosse stato un sufficiente interesse da entrambe le parti. Ciò richiede ancora opera di persuasione. Non solo nell'agricoltura ci sono interessi differenti. I colloqui proseguono.

All'incontro a Davos - ha detto McMullen a CH Media - la discussione sul clima ha richiesto "un po' di tempo". "Più di quanto fosse necessario, ma per noi è andato bene così".

Il fatto che Sommaruga abbia menzionato l'accordo sul clima di Parigi è stato "poco produttivo", perché "tutti conoscono la posizione del presidente Trump".

Ci sono stati partecipanti da parte svizzera che volevano concedere più tempo per la "discussione sul commercio", ha detto McMullen riguardo all'incontro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.