Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Decine di migliaia di persona hanno partecipato alla "Marcia di unità nazionale" organizzata a Istanbul dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

KEYSTONE/AP Presidency Press Service

(sda-ats)

"Taglieremo la testa" alle reti dei golpisti: il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rimesso i panni del leader giustiziere davanti a decine di migliaia di sostenitori accorsi alla sua "Marcia di unità nazionale", sul ponte che unisce Asia ed Europa a Istanbul.

Un anno dopo, il presidente turco ha rispolverato la retorica della vendetta che aveva accompagnato i giorni successivi al fallito golpe. Gli imputati, ha detto Erdogan, dovrebbero entrare in tribunale indossando una "uniforme, come quella dei detenuti a Guantanamo".

Il bagno di folla sul Bosforo è stato solo l'antipasto della lunga notte di commemorazioni per quella che ha definito "l'epica del 15 luglio". Poco prima delle 2,32 locali (l'1,32 in Svizzera), l'ora esatta in cui l'aviazione golpista iniziò a bombardarlo, Erdogan è apparso nel piazzale davanti al Parlamento di Ankara, dove migliaia di sostenitori lo attendevno festanti. Da un lato le donne, quasi tutte velate, dall'altro gli uomini: come in moschea.

La folla inneggiava ad Allah e salutato i leader sul palco con il gesto ultranazionalista dei lupi grigi e quello con le quattro dita della Rabia, simbolo dei Fratelli musulmani, declinato da Erdogan in chiave turca: "Una nazione, una bandiera, una patria, uno stato".

Una lunga preghiera accompagnata dalla massima autorità islamica turca, Mehmet Gormez, ha segnato il ricordo delle vittime del golpe.

Il presidente ha parlato per quasi un'ora davanti a una folla che lo ha interrotto solo per osannarne il nome e chiedere a gran voce il ritorno della pena di morte. E lui non l'ha delusa, ribadendo di essere pronto ad approvarla "senza alcuna esitazione", se il Parlamento la votasse.

Ascoltato in prima fila dai familiari dei "martiri", le vittime e i feriti del putsch, Erdogan ha promesso che "chi ha tradito pagherà", ha esaltato il coraggio dei 106 deputati che si riunirono nel Parlamento sotto attacco golpista ed è tornato ad attaccare - senza mai nominarlo esplicitamente - il leader dell'opposizione Kemal Kilicdaroglu, assente stanotte. Erdogan gli ha rimproverato di aver definito quello del 15 luglio come un "colpo di stato controllato", cioè previsto e non evitato per poi cavalcarlo.

La festa istituzionale - con lo speaker del Parlamento e il capo di stato maggiore a fianco del presidente - si trasformata in una celebrazione personale del capo. Della Turchia che un anno fa si unì contro il golpe, nella notte di Ankara è restato solo il ricordo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS