Navigation

TTPCP: tariffe non dovranno essere ridotte

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2012 - 12:24
(Keystone-ATS)

Da nuovi calcoli risulta che i costi delle code imputabili ai veicoli pesanti sono più elevati: nel 2009 sono ammontati a 291 milioni di franchi, contro i 254 stabiliti in un primo tempo. Lo comunica oggi l'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), secondo cui le tariffe della tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP) non devono essere ridotte, diversamente da quanto preteso dal settore degli autotrasportatori.

In seguito a una decisione del Tribunale federale (TF), l'ARE ha fatto ricalcolare i costi delle code imputabili al traffico pesante. Risultato: tali tariffe sono ancora più elevate di quelle fissate finora dall'Amministrazione federale e non giustificano quindi un calo della TTPCP.

Il nuovo calcolo sui costi delle code è imputabile agli stessi autotrasportatori che, dal 2008, cercano di contestare gli aumenti delle tariffe della TTPCP, seguendo la via dei ricorsi in tribunale. L'Associazione svizzera dei trasporti stradali (ASTAG) ha fatto valere che una presa in considerazione dei costi delle code risulta in generale inammissibile, sostenendo che il calcolo di questi costi è comunque sbagliato.

Nel 2010, i giudici del TF hanno sconfessato l'ASTAG, sostenendo che è giustificato includere nell'importo della tassa i costi dovuti alle perdite di tempo subite dagli altri utenti della strada a causa delle colonne. Chiamato a occuparsi di un nuovo ricorso concernente una determinata categoria di veicoli pesanti, il TF ha chiesto un esame supplementare dei costi esterni inclusi nella tassa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?