Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il tumore della prostata è la seconda forma più comune di cancro maschile nel mondo e la quinta causa di morte, correlata ai tumori, negli uomini. Più di 1,1 milioni di uomini nel mondo hanno ricevuto una diagnosi della malattia nel 2012.

Eppure quasi la metà degli uomini (47%) ignora i sintomi di questa neoplasia in stadio avanzato e tre su 5 (59%) non sempre riconoscono che il dolore di cui soffrono potrebbe essere correlato alla malattia. È quanto emerge dall'indagine International Prostate CancerSymptomsSurvey, che ha coinvolto più di 1200 persone, commissionata dall'International Prostate CancerCoalition in 10 Paesi con il supporto di Bayer Healthcare e presentata al Congresso europeo sul cancro (ECC) in corso a Vienna.

In base all'indagine, inoltre, il 57% delle persone colpite dalla malattia in fase avanzata pensa di dover convivere con il dolore quotidiano e per il 34% parlarne fa sentire più deboli.

Il tumore della prostata può non essere sintomatico nelle fasi iniziali, ma sintomi come dolore inspiegabile, difficoltà nel camminare o perdita del controllo vescicale possono manifestarsi quando la malattia progredisce. E questi disturbi dovrebbero indurre gli uomini a rivolgersi al proprio medico.

Sulla base di tali risultati, ha dunque preso il via l'iniziativa educazionale mondiale di Bayer 'Men WhoSpeak Up' per individuare i sintomi del tumore prostatico avanzato. Ma la La difficoltà di discutere dei sintomi, affermano gli esperti, può anche essere motivata culturalmente: più di un uomo su 3 (36%) in Europa e Asia afferma di non essere a proprio agio nel discutere con i medici, rispetto a soltanto un uomo su 10 (12%) negli Stati Uniti. E tuttavia un numero maggiore di pazienti europei presenta un tumore in stadio avanzato (72%) rispetto alla controparte statunitense (53%).

Lo stadio del tumore prostatico è uno dei più importanti fattori nel determinare le opzioni di trattamento e le prospettive di recupero: per questo, concludono gli oncologi, è fondamentale la diagnosi e il trattamento dei sintomi al loro primo esordio.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS