Navigation

Tunisia: 16 anni a Ben Ali per corruzione e frode

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2011 - 08:01
(Keystone-ATS)

L'ex presidente tunisino Zine el-Abidine Ben Ali è stato condannato ieri sera in contumacia a 16 anni di carcere per corruzione e frode immobiliare al termine di un processo che lo vedeva imputato in relazione alla cessione di due terreni in un quartiere esclusivo a Tunisi.

Sua figlia Nesrine e il genero Sakhr al-Materi sono stati a loro volta condannati in contumacia a otto e 16 anni nell'ambito della stessa vicenda. I due, infatti, sono riusciti a fuggire dalla Tunisia prima della caduta del regime e ora si trovano a Doha, stando alle ultime notizie che si hanno su di loro.

Ai tre imputati era contestata l'acquisizione illecita di un terreno, originariamente di proprietà della società "El Bouhayra" e finito nelle mani di Sakher Materi e della moglie, attraverso una delle molte loro società, la "Les hirondelles". Il terreno, rivenduto, consentì, secondo l'imputazione, un guadagno di circa nove milioni di euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?