Navigation

Tunisia: agenti arrestati per rifiuto atti tortura

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 09:13
(Keystone-ATS)

Molti agenti della Polizia e della Guardia nazionale tunisine si trovano in stato d'arresto per essersi rifiutati, dopo la "rivoluzione", di commettere "atti di tortura" nei confronti di detenuti, pratica diffusissima ai tempi della dittatura. La notizia è stata fornita da Hichem Meddeb, portavoce del Ministero dell'Interno tunisino ieri sera, nel corso del periodico incontro con la stampa.

Maddeb - riferisce il sito Tunisie Numérique - ha definito la tortura come l'uso della forza per interrogare i criminali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?