Anche se mancano ancora dati ufficiali, l'adesione allo sciopero generale indetto per oggi in Tunisia in segno di protesta contro l'uccisione di Mohamed Brahmi sembra avere ottenuto una fortissima adesione, soprattutto nel pubblico impiego.

Tutti i più importanti negozi del centro di Tunisi non hanno aperto, come invece hanno fatto piccoli esercizi commerciali. Divisi, sullo sciopero, gli operatori del settore dei trasporti, con quelli dei treni e dei bus che si stanno astenendo dal lavoro, al contrario di quelli della metropolitana di superficie e dei tassisti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.