Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A uccidere l'oppositore Mohamed Brahmi è stato un salafita, Boubaker El Hakim, che ha usato la stessa pistola utilizzata nell'omicidio di Chokri Belaid. Lo rivela il ministro dell'Interno tunisino, Lotfi Ben Jeddou

Jeddou, nel corso di una conferenza stampa, ha reso noto anche il nome del presunto complice di El Hakim. Si chiama Lotfi Ezzine, pure lui sospettato di essere legato alla frange più estremistiche della corrente salafita.

Il ministro dell'Interno ha voluto puntualizzare che le perizie balistiche hanno accertato che negli omicidi Brahmi e Belaid è stata usata la stessa arma e che ci sono già 14 indagati per l'agguato di ieri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS