Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il partito al governo in Tunisia, Ennhada, ha respinto la proposta del premier Hamadi Jebali di sciogliere il governo e di sostituirlo con una piccola compagine di tecnici. Lo hanno detto alla Reuters fonti ufficiali del partito.

La decisione del premier di sciogliere il governo per costituirne uno di soli tecnici ha, di fatto, spaccato Ennahda che accusa il primo ministro di non avere consultato il partito. Di questa disaccordo s'è fatto portavoce Abdelhamid Jelassi, uno dei leader del partito, che ha detto che Ennahda non è d'accordo sull'ipotesi di un governo tecnico.

La decisione del primo ministro ha invece ottenuto l'appoggio di Ettakatol, che, insieme ad Ennahda e Congresso per la Repubblica, faceva parte della maggioranza.

Intanto, su alcuni siti e pagine di Facebook islamici tunisini sono comparse ieri sera delle frasi che inneggiano all'uccisione di Chokri Belaid, l'esponente del Fronte popolare, assassinato poco dopo essere uscito dalla sua abitazione. A denunciarlo è stato uno degli esponenti del Fronte popolare, l'avvocato Abdennaceur Aouini. Nelle pagine, Chokri Belaid viene indicato come il capofila dei "kouffars", i miscredenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS