Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stando alle attuali informazioni, non ci sarebbero cittadini svizzeri fra le vittime dell'attacco perpetrato oggi a Tunisi. È quanto indica una nota diffusa nel tardo pomeriggio dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), nella quale si precisa che la locale ambasciata svizzera è in stretto contatto con le autorità tunisine. La presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga, ha da parte sua fermamente condannato l'attentato.

A nome del governo e della popolazione svizzera, la consigliera federale esprime il suo sostegno alle autorità tunisine e alle famiglie delle vittime. Berna è solidale con la popolazione tunisina "colpita da questo atto di violenza rivoltante", si legge in un comunicato.

In seguito ai gravi avvenimenti di oggi, il DFAE raccomanda inoltre la massima prudenza a tutti i viaggiatori diretti in Tunisia. In tutto il Paese il rischio di attentati anche contro gli stranieri è in aumento, rileva Berna, precisando che nel sud c'è pure un elevato rischio di sequestri. Si raccomanda quindi di informarsi tramite i media, di evitare le manifestazioni di qualsiasi tipo e di adottare un comportamento riservato. Si consiglia inoltre diseguire le indicazioni delle autorità localie dell'operatore turistico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS