Navigation

Tunisia: primo ministro, arrestati 200 salafiti

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2013 - 12:34
(Keystone-ATS)

Sono circa duecento i salafiti arrestati ieri in Tunisia nel corso dei disordini che si sono registrati dopo il divieto ad Ansar al Sharia di tenere un raduno nazionale. Lo dice il premier tunisino Ali Laarayedh in una dichiarazione al quotidiano arabo Al-Hayat.

Laarayedh ha quindi ripetuto le sue accuse ad Ansar al Sharia di essere contigua al terrorismo: "Questo gruppo esercita la violenza e si oppone allo Stato". Noi vi faremo fronte "con estrema fermezza e, nell'ambito della legge, saremo inflessibili".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.