Navigation

Tunisia: proteste, almeno 4 morti e 6 feriti a Tala

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2011 - 10:37
(Keystone-ATS)

TUNISI - Almeno quattro persone sono state uccise e altre sei sono rimaste gravemente ferite da colpi d'armi da fuoco in scontri avvenuti nella notte tra manifestanti e forze dell'ordine a Tala, nell'area centro-occidentale della Tunisia. Lo riferisce l'agenzia Afp riportando fonti concordanti.
Ieri un ambulante si era dato fuoco a Sidi Bouzid, mentre quattro dimostranti erano rimasti feriti nel corso di scontri con le forze dell'ordine a Rgeb, località a 210 chilometri ad ovest di Tunisi.
Secondo Belgacem Sayhi, un sindacalista della scuola, le vittime sono state uccise dalla polizia quando le forze dell'ordine hanno aperto il fuoco sui manifestanti nel centro di Tala, un paese vicino a Kasserine.
Le vittime sono Marwan Jomni, 20 anni, Boulaaba Ahmed, 30 anni, Omri Mohamed, 17 anni, e Nouri Boulaaba, 30 anni, secondo quanto confermato da due fonti che hanno chiesto l'anonimato. Tra i feriti, sei sono in gravissime condizioni e sono stati trasferiti in un ospedale di Kasserine, la capitale della regione dove, in altri scontri, sarebbe stato ucciso un bambino di 12 anni. Quest'ultima notizia, però, non è stata confermata dalle autorità locali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?