Navigation

Tunisia: Ramadan, polizia chiude locali che servivano cibo

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2012 - 14:37
(Keystone-ATS)

Pur non essendo ancora ufficialmente uno Stato musulmano, la Tunisia sembra avere cambiato rotta nella tolleranza sul mancato rispetto delle prescrizioni dell'islam, come il digiuno durante il mese sacro di Ramadan.

Lo hanno appurato, sulla propria pelle, i titolari di alcuni ristoranti del quartiere di Ennasr, uno di quelli a maggior vocazione turistica del Governatorato dell'Ariana, costretti a sospendere la loro attività durante il giorno, anche se ai banchi e tavolini stavano consumando degli stranieri.

Come posso spiegare ai miei clienti stranieri che non posso più servire loro da mangiare durante la giornata, ha chiesto ai poliziotti il titolare di un fast food di Ennasr? La risposta, riferita dal sito Business news, è stata inequivocabile: "Dite loro che questo è uno Stato islamico".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?